Più sei pazzo e più sei saggio….

Immagine correlata

“Prova a pensare in modo leggermente diverso dalla gente e tutti cominceranno a sospettare di te: c’è qualcosa che non va, sei pazzo. Se fai parte della massa, sei considerato sano di mente…

Può darsi che la massa sia in preda alla follia, ma il punto non è quello. Tu devi semplicemente far parte della massa e comportarti come si comportano tutti gli altri. Non sono ammesse eccezioni. Non c’è spazio per l’individualità. Gli individui vengono rinchiusi in manicomio.

La gente ha definito pazzo Gautama il Buddha, ha dato del pazzo a Socrate. Le masse considerano pazzo chiunque non sia parte della follia collettiva, chiunque vada oltre questa follia. Ma quella pazzia è l’unico modo di purificarsi. L’uomo non è un essere, ma un processo, non un essere ma un divenire.

Il cane nasce e muore cane. La situazione non è necessariamente la stessa per quanto riguarda l’uomo. L’uomo può nascere uomo e morire come Gautama il Buddha. Nessun altro essere, eccetto l’uomo, si evolve tra la nascita e la morte. Ma per raggiungere questo stato devi essere il fulmine che brucia tutto ciò che è marcio in te; devi essere abbastanza pazzo da andare oltre tutte le ipocrisie, le religioni, tutti i manierismi, tutte le maschere che l’uomo ha creato per rimanere dov’è, per non crescere.

La massa, la gente, condannerà tutti i ribelli, tutti gli spiriti ribelli, dirà che sono dei distruttori. Ma per creare bisogna distruggere. Se non si distrugge ciò che è brutto e spregevole, non si può creare la bellezza. Se non si distruggono le menzogne, non si può far posto alla verità.

Ma è molto difficile non odiare questo tipo di persone, che disturbano il vostro sonno, le vostre menzogne, comode, convenienti, le vostre consolazioni. È naturale che la gente odi l’uomo di verità: egli è un disturbatore… con le tue menzogne ti senti al sicuro, e all’improvviso arriva lui ad istigare il dubbio in te, a disturbare la tua fede.

La verità è sempre in contrasto con i dogmi delle masse. La verità è individuale, e le masse non hanno alcun interesse per la verità. Alle masse importano le consolazioni, le comodità. Le masse non consistono di esploratori, di avventurieri, di individui che si inoltrano nell’ignoto, senza paura, e rischiano la vita per scoprire il significato della loro vita e dell’esistenza intera.

Le masse vogliono semplicemente sentir raccontare bugie dolci, comode e convenienti. Senza fare alcuno sforzo, possono rilassarsi in quelle menzogne che servono solo come consolazioni. La folla odia chi vuole essere un individuo, chi vuole seguire un suo cammino particolare, uno stile di vita. Le masse vogliono che tu sia semplicemente “uno di loro”.

La tua separazione li rende consapevoli della loro inferiorità. Vogliono che tu sia mite, remissivo, sottomesso.. Se in qualche modo le oltrepassi, le superi, non sarai mai perdonato.”

Osho

7 ottobre 2017 – Mobilitazione mondiale contro la guerra e contro le basi militari

APPELLO PER AZIONE GLOBALE CONTRO LE BASI MILITARI – 7 ottobre 2017

È tempo di resistere! INSIEME!

Attivisti determinati in tutto il mondo hanno resistito per decenni ad occupazione, militarismo e basi militari straniere nelle loro terre. Queste lotte sono state coraggiose e persistenti. Uniamo la nostra resistenza in un’azione globale per la pace e la giustizia.

Per il 7 ottobre 2017  invitiamo la vostra organizzazione a pianificare un’azione anti-
militarista nella vostra comunità come parte della prima settimana annuale globale di azioni contro le basi militari.  Insieme le nostre voci sono più alte, il nostro potere più forte e più pervasivo. Resistiamo insieme per abolire la guerra e fermare la profanazione di Madre Terra. Unisciti a noi nella creazione di un mondo in cui ogni vita umana ha valore uguale e un ambiente sicuro in cui vivere. È nostra speranza che questo sia l’inizio di uno sforzo annuale che possa unificare meglio il nostro lavoro e renda più forti i legami fra di noi.

Vuoi unirti a noi a noi in questo sforzo globale?

Background:
Il 7 ottobre 2001, in risposta agli eventi dell’11 settembre, gli Stati Uniti e la
Gran Bretagna hanno lanciato la missione “Enduring Freedom” contro
l’Afghanistan. Queste forze militari giganti hanno iniziato l’assalto su un paese
già colpito dall’invasione sovietica e reduce da anni di una devastante guerra
civile che ha portato l’Afghanistan a un’oscura esistenza medievale di
fondamentalismo talebano. Dall’11 settembre è stato istituito un nuovo concetto,
la Permanent Global Warfare, che è proseguita da quella fatidica giornata.

Tuttavia, in quei primi giorni, è emerso anche un nuovo movimento sociale, che
aspirò a diventare globale. Sfidando il nuovo ordine mondiale reclamizzato
sotto la facciata della “Guerra al Terrore”, questo movimento internazionale
anti-guerra è cresciuto così rapidamente che il New York Times ebbe a definirlo
“il secondo potere mondiale”.

Tuttavia, oggi viviamo in un mondo sempre più insicuro, con guerre sempre in
espansione mondiale. Afghanistan, Siria, Yemen, Iraq, Pakistan, Israele, Libia,
Mali, Mozambico, Somalia, Sudan e Sud Sudan sono solo alcuni dei punti
caldi. La guerra è diventata sempre più una strategia per il dominio globale.
Questo stato di guerra perpetuo ha un impatto devastante sul nostro pianeta,
impoverisce le comunità e impone massicci movimenti di persone che fuggono
dalla guerra e dal degrado ambientale.

Oggi, nell’era di Trump, questo approccio si è intensificato. Il ritiro degli Stati
Uniti dagli accordi climatici accompagna una politica energetica distruttiva,
ignorando la scienza e eliminando le protezioni ambientali, con conseguenze
che cadranno pesantemente sul futuro del pianeta e su tutti coloro che vivono su
di esso. L’uso di dispositivi come il MOAB, “la madre di tutte le bombe”,
mostra chiaramente il corso sempre più brutale della Casa Bianca. In questo
contesto, il paese più ricco e potente, che possiede il 95% delle basi militari
straniere del mondo, minaccia regolarmente di intraprendere interventi militari
con altri poteri maggiori (Russia, Cina, Corea del Nord, Iran), spingendoli
grottescamente ad aumentare i propri bilanci militari e le vendite di armi.

È ora di unificare tutti coloro che si oppongono alla guerra in tutto il mondo.
Dobbiamo costruire una rete di resistenza alle basi statunitensi, in solidarietà
con i molti anni di resistenza attiva a Okinawa, Corea del Sud, Italia, Filippine,
Guam, Germania, Inghilterra e altrove.

Il 7 ottobre 2001, il paese più ricco del mondo ha iniziato il suo perpetuo
assedio militare e l’occupazione dell’Afghanistan, una delle nazioni più povere
del mondo. Proponiamo la settimana del 7 ottobre 2017 come la prima
azione annuale GLOBALE CONTRO LE BASI MILITARI. Invitiamo
tutte le comunità a organizzare azioni e eventi di solidarietà durante la prima
settimana di ottobre. Ogni gruppo può organizzare in modo indipendente una
resistenza che soddisfi le esigenze della propria comunità. Noi incoraggiamo
incontri organizzativi di comunità, dibattiti, incontri pubblici, veglie, gruppi di
preghiera, raccolta di firme e azioni dirette. Ogni comunità può scegliere i
propri metodi e le sue posizioni di resistenza: basi militari, ambasciate, edifici
governativi, scuole, biblioteche, piazze pubbliche, ecc. Per rendere possibile
questo, dobbiamo lavorare insieme per sciogliere le nostre differenze in un
fronte unito, e dare visibilità ad ogni iniziativa. Insieme siamo più potenti.
Come ha detto Albert Einstein: “La guerra non può essere umanizzata. Può
essere solo abolita.” Vuoi unirti a noi? Rendiamo questo possibile, insieme.

Con il rispetto più profondo

Elio Pagani  – eliopaxnowar@gmail.com – Lista Disarmo Peacelink

Primi firmatari:

NoDalMolin (Vicenza – Italia) NoMuos (Niscemi – Sicilia – Italia) CODEPINK (Area di S. Francisco – USA) World Beyond War (USA) CODEPINK (USA) Hambastagi (Partito della Solidarietà dell’Afghanistan) STOP the War Coalition (Filippine) Environmentalists EAW Berkeley, California

Con l’adesione del Circolo Vegetariano VV.TT. di Treia

I Ching – ….dove la civiltà dei vivi e dei morti si incontrano!

Risultati immagini per I Ching -

Il nostro osservare il mondo, sia interiore (delle emozioni) che esteriore (degli oggetti), non è quasi mai “pulito”, privo cioè di interpretazione e concettualizzazione.

Siamo avvezzi a giudicare quel che osserviamo attraverso il filtro della memoria e delle sensazioni collegate alle trascorse esperienze. Anche nel caso di eventi “nuovi” o di idee precedentemente non considerate non facciamo a meno di cercare di “comprendere” e misurare sulla base del nostro conosciuto. Ecco questa “preconoscenza” è la nostra “schiavitù” ma se potessimo lasciarci andare sino al punto di poterci osservare mentre si innesca il meccanismo del “pre-giudizio” e capire il suo funzionamento… potremmo già considerare questa “attenzione” come una prima forma di meditazione e distacco dal processo appropriativo in corso.

Facciamo un’analogia pratica, per esemplificare questo tentativo di spostare l’attenzione dall’io giudicante alla capacità testimoniale della pura coscienza, analizzando il funzionamento del sogno. Quando sogniamo tutto avviene in modo apparentemente costruito e definito mentre allo stesso tempo gli avvenimenti del sogno mantengono il senso dell’imponderabilità. Il personaggio specifico del nostro sogno, nel quale noi ci identifichiamo, è esso stesso una semplice componente inscindibile dalla complessità del sogno, in cui i vari attori, figure, oggetti ed eventi sono un tutt’uno. La “farsa” del sogno mostra un’apparente finalità e significato agli occhi del personaggio di sogno nel quale ci identifichiamo. Vediamo che egli infatti compie gesti deliberati e verosimili sforzi di volontà per raggiungere i suoi fini di sogno, rapportandosi inoltre con gli altri personaggi del sogno come “diversi” da sé.

Può ciò corrispondere a verità?

Tutti gli aspetti del sogno sono prodotti dalla stessa mente e non sono in alcun modo controllabili e gestibili da alcun personaggio o situazione del sogno. Essendo ognuno di questi elementi semplici componenti “passive” immaginate nella mente del sognatore. Dal punto di vista dell’esperienza “empirica” nello stato di veglia si può dire che il processo di “creazione” sia praticamente il medesimo. Tutti gli oggetti ed i soggetti che reciprocamente si percepiscono (essendo ognuno contemporaneamente soggetto ed oggetto nella percezione altrui) scaturiscono dalla stessa “Mente”, o Coscienza, e si dipanano sullo schermo concettuale degli eventi spazio-temporali. In effetti, in questo funzionamento totale, non può esistere alcuna volizione o finalità personale, poiché (come nel sogno) ogni cosa si svolge indipendentemente dall’intenzione di qualsiasi dei personaggi sognati. Pur che apparentemente essi assumono su di sé il senso dell’affermazione o della negazione di una loro “volontà”, ma questo avviene solo conseguentemente alla considerazione effettiva degli eventi già vissuti. Ovvero dopo aver “giudicato” i fatti accaduti ed averli assunti come propri (attraverso il senso di identificazione) e quindi definiti come positivi o negativi (ai fini del personaggio).

Da ciò, per estensione, arriviamo all’identità dello stato di veglia e scopriamo che -come nel sogno- a manifestare la vita e le sue componenti non sono i singoli esseri bensì la Coscienza stessa, impegnata com’è nell’opera di vivificazione delle sue emanazioni e manifestazioni, che sono possibili solo per suo tramite.

Per questa ragione è detto che “quando il me scompare l’Io si manifesta” (Ramakrishna Paramahansa), ovvero quando l’identificazione individuale cessa automaticamente la Coscienza impersonale emerge. Si dice che “emerge” in quanto tale pura Coscienza è già insita nell’individuo stesso (come la mente è presente nel personaggio sognato) che la “sostanza” non appartiene alla sembianza mutevole ma è l’essenza che la anima. Ovviamente in caso di “risveglio” al puro Io il senso di identità individuale “muore” ma questo non implica l’automatica scomparsa della sua “sembianza” apparente, che continuerà a restare nella percezione degli “altri” osservatori, ma svuotata al suo interno di ogni identificazione oggettiva, essendo il risvegliato pura e semplice “soggettività”
(Consapevolezza priva di attributi).

La spontaneità è la caratteristica “comportamentale” del risvegliato, quando spontaneità significa semplice capacità di risposta, adeguata e consona, alle situazioni in cui egli si imbatte. In un tale essere non permane alcuna ombra di intenzionalità o di giudizio, di desiderio o repulsione, la sua “volontà” corrisponde esattamente agli eventi vissuti senza che lui lo ricerchi. Possiamo definire questo stato: Libertà.

Per significare la vera natura dell’essere ed il “ritorno” all’intrinseca consapevolezza che gli è propria, ammettendo che tale natura è la stessa per ognuno di noi, mi piace riportare una frase di Nisargadatta Maharaj, che disse: “Non importa ciò che fai o ciò che non fai se hai realmente percepito quello di cui sto parlando. Diversamente, non importa nemmeno se tu non hai capito quel di cui sto parlando..” Il che significa che in entrambi i casi la realtà intrinseca non cambia… e quel che è destinato ad avvenire avviene per conto suo….

Succede però che questo discorso, pur essendo a volte intellettualmente accettato, necessiti spesso una digestione ed assimilazione, deve insomma essere fatto “nostro”. Ciò può avvenire attraverso la riflessione, la rielaborazione e il riconoscimento al nostro interno di tale verità. Ora in qualche modo ci sembra di aver compreso ma dobbiamo disintossicarci dalla tendenza speculativa e dall’identificazione con il personaggio incarnato. A tal fine, non per ottenere la condizione che è già nella nostra natura ma allo scopo di scongiurare l’imbroglio della mente, consiglio la lettura ripetuta e la ponderazione sulle immagini contenute nel Libro dei Mutamenti (I Ching), un compendio di esempi archetipali psicosomatici, descrivente cioè i diversi modelli comportamentali, basati sulle variegate capacità espressive della mente nello svolgimento degli eventi spazio-temporali. Per mezzo dell’analisi sarà possibile riconoscere le multicolori forme che la mente può assumere in questo mondo di apparenze, essendo le sue trasformazioni semplici risultanze, risonanze e adattamenti alle condizioni che si trova ad affrontare. Questa è una risposta automatica allo svolgimento delle continue mutazioni e mescolamenti degli elementi basilari della vita.

Ovvio che tali mutazioni sono praticamente infinite ma nel Libro dei Mutamenti si esaminano 64 aspetti/madre, in forma di esagrammi in cui ogni linea è una componente costitutiva con propri significati. Essendo questo testo il risultato di un antichissimo e costante studio ed osservazione di fenomeni naturali e sociali, interpretati e visti sia con la ragione che con l’intuizione, esso si presenta come un complesso integrato dei diversi modi espressivi analitici ed analogici della mente.

“Conoscere la mente per non farsi imbrogliare dalla mente..” Affermava Ramana Maharshi.

E nel Libro dei Mutamenti si può dire che vengono fusi sia gli aspetti filosofici speculativi e metafici che quelli analitici ed empirici (Taoismo e Confucianesimo), perciò la prassi è quella di osservarne le immagini senza volerne assumere i concetti, un buon metodo per avvicinarsi alla corrispondente spontaneità comportamentale del saggio, basata sulla capacità di immediata risposta comportamentale nelle varie situazioni incontrate nella vita, anche in considerazione delle peculiari caratteristiche da ognuno incarnate e nella posizione e condizione in cui siamo. Insomma, conoscere il mezzo per affrontare adeguatamente il percorso.

Siccome la lettura del testo non è immediatamente chiara e assimilabile è consigliabile una ripetizione continuata, ma senza sforzi interpretativi, in modo da sospingere pian piano la nostra mente verso quel necessario “distacco” da finalità precostituite, tralasciando quindi il tentativo di comprensione dei significati razionali e lasciando che le immagini evocate trovino corrispondenza nel nostro inconscio.

Paolo D’Arpini

Treia, 13 agosto 2017 – Resoconto della visita alla Grotta di Santa Sperandia: alla scoperta delle piante curative con Sonia Baldoni

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, albero, bambino, spazio all'aperto e natura

Nella bella e finalmente quasi fresca mattinata del 13 agosto 2017, un gruppo eterogeneo di un ventina di persone e forse più, molti sconosciuti tra loro, partono da Treia alla volta del Monte Acuto, verso il santuario di Santa Sperandia, la santa dalle prodigiose capacità taumaturgiche.

L’evento, organizzato da Paolo D’Arpini  e Caterina Regazzi, ha richiamato anche Sonia Baldoni, soprannominata “la Sibilla delle Erbe”,  esperta di piante officinali,  che durante il tragitto a piedi verso la grotta ha raccolto e spiegato le proprietà officinali delle piante spontanee che via via, camminando, si incontravano lungo il percorso. Sonia ha tenuto una sorta di lezione itinerante sul campo, trasmettendo con passione il suo sapere e il suo amore per le piante.

La grotta si trova ai piedi di una lunga scalinata di legno, è un posto  dal panorama bellissimo sulla valle sottostante coperta di boschi, peccato però che accanto alla cavità principale sia stata costruita una piccola cappella o altare in cemento, che altera e contamina il fascino di un luogo così selvaggio.

Dopo il pranzo al sacco e prima di lasciare l’eremo, Sonia ha richiamato il gruppo in un coinvolgente rituale al termine del quale ognuno è  tornato alla spicciolata verso le proprie case e città…

Antonella Riva

……………

Commento di Paolo D’Arpini:

“Ringrazio Antonella, una professoressa liceale di Roma,  amica di Caterina, che ha trascorso con noi la “settimana della condivisione” (Feriae Augusti, dal 6 al 13 agosto), per la sintetica relazione sull’ormai tradizionale pellegrinaggio alla Grotta di Santa Sperandia. La mattina, prima di partire, abbiamo avuto il piacere di constatare, durante la colazione al solito baretto di Treia, che il Resto del Carlino aveva recensito l’evento, come pure la rivista culturale “La Rucola” che aveva pubblicato l’intero programma in precedenza. Infatti la partecipazione alla escursione è stata più nutrita rispetto agli anni scorsi. Forse il successo è derivato anche dalla collaborazione fra i vari enti che hanno contribuito alla manifestazione: Treia Comunità Ideale, Circolo Vegetariano VV.TT. ed Auser Treia, che in particolare ringraziamo per l’aiuto divulgativo…”

…………..

Commento di Caterina Regazzi:

“Maria Sonia era arrivata la sera prima a Treia accompagnata dalla fida Maria, una ragazza giovane e dinamica, molto positiva e intraprendente. Ci siamo incontrati al Forno per una buona pizza, erano con noi anche Valeria, Mara Dalia ed Antonella. Si è capito subito che Sonia era particolarmente in forma, solare e loquace come suo solito. Ha voluto poi però riposare da sola e l’abbiamo ospitata nella “stanza della nonna”. L’indomani era abbastanza fresco e così, sollecitata in tal senso da Paolo, abbiamo portato anche Magò, che purtroppo ogni tanto faceva un po’ i capricci per cui non mi sono potuta godere le spiegazioni come si dovrebbe… peccato! E’ stata comunque una delle più belle escursioni a Santa Sperandia della mia vita (e ne ho fatte tante), grazie anche ai numerosi presenti intervenuti, parte venuti da lontano (Roma, Lecco, etc), ma buona parte treiesi, finalmente!  Grazie a tutti, grazie, Sonia!”

Album fotografico di Caterina Regazzi:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10212992028425892&set=a.10212992014105534&type=3&theater

Video di Luciana Montecchiesi:

https://www.facebook.com/luciana.montecchiesi1/videos/1500415270044704/

https://www.facebook.com/luciana.montecchiesi1/videos/1500407540045477/

Album fotografici di Luciana  Montecchiesi:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1500405473379017&set=pcb.1500406663378898&type=3&theater

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1500402003379364&set=pcb.1500403950045836&type=3&theater

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1500366456716252&set=pcb.1500368350049396&type=3&theater

 

Album fotografico di Giampaolo Damiani:

https://www.facebook.com/giampaolo.damiani/media_set?set=a.1575641639140530.1073742091.100000841280049&type=3&pnref=story.unseen-section

L'immagine può contenere: 2 persone, bambino e spazio all'aperto

“La contaminazione del pensiero nella Coscienza” – Brani di folle saggezza di U.G.

Di seguito una cernita di alcuni brani tratti dal volumetto L’inganno della illuminazione, conversazioni di Uppaluri Gopala Krishnamurti
“Tutto quello che fate rende impossibile l’esprimersi di quanto è già qui. Per questo io lo chiamo lo «stato naturale». Voi siete sempre in quello stato. Quello che impedisce a ciò che è già qui di esprimersi è proprio la ricerca. La ricerca va sempre nella direzione opposta, perciò tutto quello che considerate veramente profondo, tutto quello che considerate sacro, è una contaminazione di quella coscienza. Può non piacervi la parola «contaminazione», ma tutto quello che considerate sacro, santo e profondo è davvero una contaminazione. Così, non c’è niente da fare. Non dipende da voi. Non mi piace usare la parola «grazia», perché allora viene da chiedersi, «la grazia di chi?». Non si tratta di essere prescelti; capita, non so perché. Se mi fosse possibile, cercherei di aiutarvi. Ma questa è una cosa che non posso darvi, perché voi già l’avete. È ridicolo chiedere una cosa che già si possiede.
[…]
Non passo più il tempo a ricordare, preoccuparmi, concettualizzare e compiere tutte quelle cose mentali che la gente compie quando è da sola. La mia mente è soltanto occupata quando è necessario, ad esempio quando fare domande, o quando io devo sistemare il registratore o cose simili. Per il resto del tempo la mia mente si trova nello stato «disinnestato». Naturalmente adesso ho di nuovo la memoria – inizialmente era abolita, ora però è nuovamente presente – ma è come qualcosa che sta dietro, che viene in superficie solo quando è necessario, automaticamente. Quando non serve, non c’è nessuna mente, nessun pensiero, ma solo vita.
[…]
La coscienza è talmente pura che qualunque cosa facciate per purificarvi non fa altro che rendervi impuri. La coscienza deve sgorgare, per così dire: deve purgarsi da ogni traccia di santità e non-santità, da tutto quanto. Anche ciò che voi considerate «sacrosanto» è una contaminazione in quella coscienza. Non avviene attraverso una volontà da parte vostra; quando le barriere vengono distrutte, non attraverso uno sforzo da parte vostra, né per mezzo della vostra volontà, allora le chiuse si aprono e tutto scaturisce. […] Lo stato di coscienza separativo non funziona più; c’è sempre lo stato di coscienza unitario, e niente può toccarlo. Qualunque cosa può arrivare – un pensiero buono, cattivo, il numero di telefono di una prostituta di Londra… […] Quello che viene non ha nessuna importanza – buono, cattivo, sacro, profano. Chi può dire: «Questo è bene; questo è male»? – è tutto finito. Si è come ricondotti alla sorgente. Ci si ritrova in quello stato di coscienza puro, primordiale, che potete chiamare consapevolezza o come vi pare. In quello stato le cose accadono, ma non c’è nessuno che ne sia interessato, che presti loro attenzione. Vanno e vengono così, come lo scorrere delle acque del Gange: acqua di fogna si riversa in essa, corpi mezzi cremati, cose buone e cattive, tuttavia quell’acqua resta sempre pura” (pp. 10; 35-36; 46-48).
Ricordiamo solo che qui, quando U.G. Krishnamurti parla di “nessuna importanza”, vuole intendere quello che si voleva significare per esempio con il termine “indifferenza” nei testi stoici antichi. Ovvero non come – così è usata oggi questa parola – sinonimo di menefreghismo, di secco e freddo distacco dal mondo, ma come benevolente e accogliente apertura a tutto, egualmente a ciò che, ancora in una prospettiva dualistica, si ritiene bene o male, buono o cattivo, da accettare e da rifiutare. Indifferenza: cioè non fare differenza. Nessuna importanza: cioè a ogni cosa, evento, situazione la stessa somma importanza.
Tutto è sempre molto importante.
(Selezione dei brani di Gianfranco Bertagni)

Grandi intese – Proposta di legge per proibire la dieta vegana ai minori

C’è una  proposta di legge, dell’onorevole Elvira Savino di Forza Italia, con il fine di impedire ai genitori di adottare una dieta vegan per i loro bambini (convinta che l’alimentazione vegetale sarebbe carente di zinco, ferro eme, vitamina D, vitamina B12 e Omega3”) che ha del paradossale: è più adatta alle multinazionali di allevatori e macellai che ad un’esponente politico cui sta a cuore il benessere della popolazione giovanile.

Se l’onorevole Elvira Savino non vive sulla luna conosce benissimo la situazione allarmante cui versa la salute dei bambini alimentati nella maniera onnivora convenzionale. Ma dovrebbe anche conoscere lo stato di benessere cui godono i bambini vegan. Le statistiche parlano chiaro: un terzo dei bambini onnivori è in sovrappeso e l’obesità tra i giovanissimi ha raggiunto cifre allarmanti. Il calcolo è presto fatto: dei circa 600.000 vegani in Italia, almeno un terzo di questi sono genitori; sfidiamo chiunque a trovare 200.000 bambini onnivori che godono della stessa ottima salute dei bambini vegan.

A mio avviso, considerata la preoccupante pericolosità di quello che mangiano i bambini onnivori che li espone alla peggiori patologie che vanno manifestandosi in età sempre inferiore, ed essendo la dieta vegan la sola compatibile con l’essere umano, la sola a in grado di garantire salute e benessere, ben venga la proposta della Savino purché i genitori e che IMPONGONO la dieta onnivora con cibi spazzatura ai loro bambini, siano obbligati non solo ad avere la giusta conoscenza in fatto alimentare, ma a farsi seguire da un nutrizionista, indipendente, libero responsabile e preparato, pena la perdita della patria potestà.

Franco Libero Manco

———————————————————–
Mangiare animali è come mangiare i nostri parenti

La superiorità dell’alimentazione vegetariana appare immediatamente evidente dal fatto che se nella dieta si escludono tutti i prodotti di derivazione animale si continua a vivere in ottima salute, mentre se si escludono i prodotti vegetali si va incontro inevitabilmente a malattie e a morte precoce. Se mangi solo carne difficilmente arrivi vivo a fine mese; se invece mangi solo frutta o solo vegetali a fine mese la tua salute sarà eccellente.

Siccità incombente – Consigli per non sprecare l’acqua

Immagine correlata

Pubblicità Progresso, la Fondazione impegnata in una comunicazione sociale di qualità, ha lanciato già dallo scorso anno la campagna “Ci Riesco” che pone al centro l’ambiente, cercando di diffondere la cultura dei comportamenti virtuosi, declinando le modalità in cui si possono attuare, dimostrando che è utile metterli in pratica non solo per una responsabilità verso il pianeta e la natura, ma anche per il preciso tornaconto che ognuno di noi può trarne per sé, per le proprie tasche, per il futuro dei propri figli.

La campagna si articola su otto temi: acqua, energia, aria, cibo, rifiuti, abitare, mobilità e salute. Per ciascuno di essi propone un decalogo di buoni consigli da seguire.

L’accesso all’acqua potabile è uno dei diritti fondamentali, un “diritto umano indispensabile per il godimento pieno del diritto alla vita” (ONU, 2010).

In Italia il consumo medio pro capite d’acqua potabile al giorno è di 245 litri (dati ISTAT 2015), comprensivi di usi per cui non serve che l’acqua sia potabile. Ammonta a 6 mila litri l’acqua pro capite usata quotidianamente nel nostro Paese nei consumi, acqua che comprende anche quella importata con i beni di consumo e gli alimenti. Il 50% di questa è contenuta nei prodotti di origine animale.

Il modo di combattere la scarsità idrica, una crescente minaccia per la produzione alimentare locale e globale, intervenendo a livello domestico, è essere attenti al consumo dell’acqua quando svolgiamo le nostre attività quotidiane.

Ecco quindi i buoni consigli per l’acqua.

consigli acqua

Non lasciare aperto il rubinetto

Nella vita di tutti i giorni ogni italiano consuma in media dai 130 ai 140 litri di acqua potabile al giorno. Una minima parte è impegnata per scopi alimentari: il bere e l’uso nella preparazione e nella cottura dei cibi non rappresenta che i 3.5%. Quasi l’intera quantità, il 96.5%, è utilizzata per: l’igiene personale, nei sanitari e per tutto ciò che riguarda la pulizia di abiti, oggetti, mezzi di trasporto, nonché della casa stessa. Di questo 96.5% ben 35% è destinato all’igiene personale.

Da un rubinetto aperto escono 8 litri di acqua al minuto. Lavando i denti spesso lasciamo scorrere inutilmente l’acqua. Fare attenzione a chiudere il rubinetto quando l’acqua non ci serve può far risparmiare, calcolando mediamente due lavaggi al giorno, circa 480 litri d’acqua al mese.

Dieci buoni consigli per un buon uso dell'acqua