Attenti alla testa… dagli USA arriva la tegola TTIP

 

Attenzione – Caduta tegole

Un’altra tegola in testa, ci aspetta, non bastava il Fiscal Compact (a proposito avete firmato la richiesta di referendum?) arriva il Ttip, iniquo, che la succube Europa si accinge a firmare. Cos’è il TTIP?  Ennesima fregatura USA: TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership).

Questo accordo tra USA e UE, con il pretesto di libero scambio e rimuovere le barriere commerciali, di fatto avvantaggia le multinazionali più forti a scapito delle aziende locali o meno distribuite e con minore capacità di intervenire.
Il TTIP consentirà alle grandi multinazionali, prevalentemente USA, di ottenere indennizzi da quei governi che si opporranno alla loro penetrazione commerciale/finanziaria, con il trasferimento di forme di potere da governi eletti democraticamente ad istituzioni tecnocratiche che non devono rispondere ai cittadini del loro operato, ma ai loro finanziatori ed azionisti…. Insomma una nuova forma di globalizzazione made in USA.
I negoziati della TTIP dovrebbero concludersi nel novembre 2014. Per bene che ci vada, il tutto inizierà a marciare a metà del 2015, ossia dopodomani. L’Italia viene così trasformata in mercato di sbocco dei prodotti statunitensi. La stessa ELITE BANCARIA e FINANZIARIA INTERNAZIONALE (FMI, UE, BCE, etc.) vuole cambiare le regole del gioco. Gli USA, che impongono agli altri il LIBERO MERCATO, sono lo Stato più PROTEZIONISTA del mondo con DAZI di entrata altissimi per le merci straniere. Adesso a che gioco stanno giocando? E soprattutto, che cosa succederà all’Italia, già costretta a subire da PAESI TERZI l’invasione di prodotti che essa stessa produce?
Arriveranno tutte le porcherie che gli USA non riescono più a smaltire sul proprio mercato interno. OGM, uno dei tanti regali. Ma l’Italia può salvarsi solo tagliando il cappio della morsa del debito pubblico, dell’Austerity, del Fiscal Compact, del Redemption Fund e dell’ultima trovata TTIP, ormai imminente e prevedibile per inizio 2015.
Anche il premio Nobel per l’economia Stiglitz boccia l’accordo di libero scambio tra Ue e Usa – riferisce Sinistra è legalità – I costi per la salute, l’ambiente, la sicurezza dei cittadini sarebbero enormi”. E Stiglitz è un intellettuale di valore. Uno dei pochi ad assurgere a grandi incarichi mantenendo libertà di giudizio (infatti non ha mai nascosto che FMI e Banca Mondiale sono al servizio sfacciato degli USA).

Paolo D’Arpini
……………………
Post Scriptum:TTIP. In vigore – Scrive Valeria Sonda: “l’UE ha già firmato che per i principi di trasparenza ed esclusiva: gli USA ora possono pretendere non solo il diritto di prelazione sugli affari ma anche tutta la documentazione sugli affari UE per poter stabilire se viene rispettato. La ciliegina sulla torta è che non è reciproco il rispetto di tali principi, cioè l’UE non può guardare negli affari USA. Per fare un esempio: gli usa potranno guardare a chi vendiamo armi, ma noi non possiamo andare a guardare dove loro le vendono e con l’esclusiva decideranno loro se venderemo e a chi venderemo armi. Mi pare che sia stato firmato anche per i voli aerei: i nostri cieli sono praticamente diventati cieli USA….”

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...