Onanismo politico

… è un’offesa all’intelligenza umana pretendere che una persona normale possa credere alla responsabilità di tipi insignificanti come renzie, boschi… o lo stesso napoletano. Essi invero non sono i reali artefici della politica portata avanti in Italia. Come potrebbero delle marionette in carne ed ossa, dediti all’onanismo politico, avere la capacità di prendere decisioni al fine d’illudere le masse e di portare piano la società allo sfascio? Per studiare, impegnandosi a distruggere capillarmente la società, strangolandola in mille codici e codicilli, tasse, nequizie, laccioli burocratici, imbrogli, espropriazioni, bugie e falsità sulla situazione corrente, conducendola ad un sicuro sfacelo, non bastano le furbizie di un renzie di un monti di un napoletano… No, evidentemente qualcuno dall’alto tira le fila e qualcuno tira le fila di chi tira le fila e così via… Evidentemente la specie umana ha inconsciamente optato per l’autodistruzione.
Ma la speranza è l’ultima a morire ed al proposito dell’idea bioregionale e del cambiamento “possibile” della forma di governo scrive Vincenzo Zamboni: “ Saul, quello che dici è vero, ma vale comunque la pena di chiedersi sempre come possiamo provare a cambiare il mondo in cui viviamo, anche con una certa dose di fantasia creativa. Alcune idee risulteranno applicabili a breve termine, alcune solo a medio o lungo termine, alcune forse mai. Ma rinunciando a progettare si otterrebbe solamente la perpetuazione dello status quo, e niente altro. Sempre meglio un progetto in più che uno in meno, visto che alcuni, è vero, falliranno, ma altri riusciranno, prima o dopo. Concordo con l’idea federalista, ma non credo che la sua base debba essere semplicemente territoriale. A mio parere, un municipio dovrebbe occuparsi di gestire alcune infrastrutture comuni che logicamente sono locali, come strade, acquedotti, reti di distribuzione energetica, tutte cose che richiedono una organizzazione territoriale uniforme. Ci sono però altre leggi, norme e regole che risultano indipendenti dalla posizione geografica….”
Mia rispostina: “Caro Vincenzo. Cercare la soluzione sociale e territoriale di ogni possibile problema prima che esso si ponga è una pre-ordinazione delle cose che non si attiene alla realtà dei fatti. Per questo i taoisti, all’inverso dei confuciani, non ponevano regole di condotta ma si limitavano a vivere le situazioni, data la piena consapevolezza del momento e del luogo, risolvendo le difficoltà ed i contrasti nel momento contestuale. Non credo che in una società multiculturale sia possibile mediare a tutte le esigenze, forse però nel piccolo possono costituirsi aggregazioni affini.. chissà? Ed in fondo questa è l’idea bioregionale, ovvero l’autogoverno di luoghi che manifestano affinità ambientali e di sistema. Magari anche questa è una configurazione ma basata sull’osservazione di dati e non sulla disposizione di “forze”. Comunque dialogare serve, aiuta l’intelligenza e affina la comprensione. Nella attuazione bioregionale la cosa principale è la pratica, ovvero il vivere il più possibile armonicamente con se stessi in un dato ambiente.”
Commento di Guglielmo: “… forse si può tentare la via, come diceva Ghandi , della disobbedienza civile, senza violenza, no tasse, no dibattito, ecc.”
Mia rispostina: “La disobbedienza civile va bene, ovvero la non collaborazione, ma al giorno d’oggi per non pagare le tasse devi essere un barbone mendicante, qualsiasi proprietà viene sequestrata, anche un piccolo conto corrente di risparmio postale. Insomma devi essere un cavernicolo completamente autonomo ma a quel punto può anche darsi che la società ti prelevi e ti chiuda in una struttura di recupero disadattati od in galera. Questa la triste realtà. Per cui è meglio cercare di galleggiare barcamenandosi nei limiti del possibile entro il proprio senso di giustizia e di capacità di sopravvivenza…”
Paolo D’Arpini
Tratto da Il Giornaletto di Saul del 22 ottobre 2014

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...