Hang Drum e indicazioni di percorso per la manifestazione del 31 ottobre 2014 a Treia

Scrive Carlos: “Ciao Paolo, sono Carlos di Campofilone e verrò a Treia venerdì 31 ottobre 2014 (alla presentazione del tuo libro Riciclaggio della memoria, ecc.) ed a suonare l’hang drum, son contento di partecipar a questo incontro di bioregionalismo. Anche io vivo in campagna, con tutta la mia filosofia ecologica, salutista e pratico alimentazione naturale, fitoterapie ecc. Leggevo quegli articoli che scrivi sull’alimentazione naturale, sul rispetto per gli animali, ecc. mi sento molto in sintonia con questi.. e mi danno, ci danno a me e la mia compagna, una grande forza ed energia nel guardare al presente ed al futuro con speranza e buona energia e voglia di cambiare sempre di più. Grazie. Verremo alla mattina anche noi, per la passeggiata erboristica…”

Immagine

Vi aspettiamo con gioia, sperando di infondere un po’ di coraggio a persone sensibili, come voi, che sperano ancora in un futuro in Italia (o che non hanno altre alternative che provare a resistere). Appuntamento il 31 ottobre per la passeggiata alle ore 10 dalla Sede del Circolo Vegetariano VV.TT. Via Sacchette, 15/a. Per raggiungere il luogo: Quando si arriva a Treia si vede la circonvallazione che costeggia le mura. A sinistra si vedono i lavori in corso per una frana, parcheggiare lì nei pressi sotto la Porta Montegrappa (o Mentana), dove si nota una fontana con due cannelle, salire sino alla Porta, subito a sinistra c’è un vecchio pozzo, salire ancora per 10 metri, quella è Via Sacchette, sulla destra si vedrà un piccolo spiazzo con una porta leggermente sopraelevata su un terrazzino, a fianco c’è anche un orto urbano con degli ulivi, noi siamo lì… Siamo proprio curiosi di ascoltare il suono di questo Hang Drum…. (Paolo e Caterina)

………………………

 

Paolo D’Arpini all’ingresso del Circolo Vegetariano VV.TT. di Treia

 

Programma completo della giornata

“Riciclaggio della Memoria”

Treia – 31 ottobre 2014

Con il patrocinio morale del Comune e della Proloco di Treia

Programma:

h. 10.00 – Escursione erboristica con Sonia Baldoni, sibilla delle erbe. Partenza dal Circolo vegetariano VV.TT. Vicolo Sacchette 15/a – Treia

h. 13.00 – Ritorno al Circolo e convivio con le erbe raccolte ed il cibo vegetariano da ognuno portato

h. 15.00 – Passeggiata turistica nel Centro Storico

h. 17.00 – Sala Consiliare del Comune, Piazza della Repubblica Benvenuto del Sindaco e del Presidente della Proloco di Treia

Tavola Rotonda: “Riciclaggio della Memoria”, presentazione del libro

Moderatore: Michele Meomartino – Interventi: Enzo Catani, Amerigo Costantini, Lucilla Pavoni, Alberto Spurio Pompili, Caterina Regazzi. Conclusioni: Paolo D’Arpini, autore del testo.


Alle pareti – Opere di Domenico Fratini e Rolando Sanpaolesi
Interventi musicali – Esecuzione di Aria di Stelle
Proiezione diapositive – Nazareno Crispiani e Luigi Lausdei
Esposizione agricola bioregionale – Produzione di Gigliola Rosciani

h. 19.30 – Ritorno al Circolo e celebrazione della Vigilia di Ognissanti

Presentazione degli argomenti trattati

Nel sottotitolo del libro “Riciclaggio della Memoria” che viene presentato a Treia, nella Sala Consiliare, il 31 ottobre 2014, è scritto: “Appunti, tracce e storie di bioregionalismo, ecologia profonda e spiritualità laica”

A questo punto una domanda sorge spontanea: Chi può definirsi bioregionalista?

Questo termine non denota una appartenenza etnica bensì la capacità di rapportarsi con il luogo in cui si risiede considerandolo come la propria casa, come una espansione di sé. La definizione diviene appropriata nel momento in cui si vive in sintonia con il territorio e con gli elementi vitali che lo compongono. Infatti chiunque può essere bioregionalista indipendentemente dalla provenienza originaria se si riconosce nel territorio e nella comunità in cui vive. L’approccio bioregionale comprende la visione dell’ecologia profonda e della spiritualità della natura (o laica). Questi tre aspetti sono inseparabili. L’ecologia profonda è il riconoscimento dell’inscindibilità della vita ed il bioregionalismo non è altro che la descrizione dei vari processi vitali e delle forme visibili della vita e della materia nella consapevolezza di tale inscindibilità. La spiritualità laica (o naturale) è l’intelligenza- coscienza che pervade la vita, è il suo profumo. Questa spiritualità -o senso di presenza- si manifesta nella consapevole pratica, sincera ed onesta, del condurre la nostra esistenza considerando che noi tutti siamo presenti in ogni aspetto del processo vitale. Quindi l’ecologia profonda, il bioregionalismo, la spiritualità naturale (o laica) sono espressioni del vivere consapevole, amorevole, gentile e solidale sulla Terra.


Per fornire un esempio concreto di ciò, durante la giornata del 31 ottobre 2014 a Treia, vivremo insieme varie esperienze significative, come l’escursione erboristica mattutina alla ricerca di erbe spontanee commestibili ed officinali. Una condivisione del cibo vegetale reperito. Una passeggiata nel centro storico per conoscerne l’architettura e le persone che lo abitano. E poi godremo di alcuni esempi di musica popolare e spirituale, delle opere d’arte e d’artigianato locale, delle testimonianze di vita armonica portate da diversi relatori, ed altro ancora che potrete scoprire partecipando a questa iniziativa di libera partecipazione, organizzata dal Circolo Vegetariano VV.TT., con il patrocinio morale del Comune e della Proloco di Treia.

Paolo D’Arpini

Info. Tel. 0733/216293 – 333.6023090

circolo.vegetariano@libero.itbioregionalismo.treia@gmail.com

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...