Lo spirito dell’Incontro Collettivo Ecologista 2015 – Montecorone di Zocca (Modena) 20 e 21 giugno 2015


Ricordo una divertente storiella zen in cui si narra di un contadino che chiamò un prete per svolgere una cerimonia di benedizioni alla sua famiglia. Il monaco stava per  iniziare il rito quando l’uomo gli chiese se ne avrebbe avuto beneficio anche la sua consorte che era deceduta qualche tempo prima. “Certamente, assicurò il prete, tutti gli esseri senzienti vivi o morti ne trarranno beneficio”.  “Tutti .. proprio tutti?” Indagò ancora il contadino.   Ed il monaco: “Tutti gli esseri condividono la natura di Buddha e quindi tutti saranno beneficiati e ricordati nella funzione”.  Ed il contadino: “Ma.. veramente  vorrei che almeno fosse escluso il mio vicino che mi sta molto antipatico….”


Ecco fatto, noi compiamo opere di bene ma riteniamo che debbano essere rivolte solo verso chi ci sta a cuore o perlomeno non ci è antipatico… E possibile questa separazione nel contesto dei viventi? Ovviamente no…

A  Montecorone di Zocca,  nel fine settimana del 20 e 21 giugno 2015,  si tiene il Collettivo Ecologista in cui condividere le proprie esperienze bioregionali, comprendendovi i vari aspetti della conoscenza della natura e della vita.  In particolare ci occuperemo di cure naturali, agricoltura biologica, alimentazione bioregionale, spiritualità della natura, canti armonici e conoscenze erboristiche e del rapporto uomo animali.

La prerogativa del bioregionalismo è quella di mantenere la vicinanza fra l’uomo e la natura, nel riconoscimento che la natura stessa è la nostra casa e la matrice di ogni vita.

Quest’anno,  come sempre avviene  duranti gli incontri, si terranno due sessioni di “sharing”, una al pomeriggio del 20 giugno ed un’altra alla mattina del 21 giugno (con conclusioni finali nel pomeriggio dello stesso giorno),   diciamo che sarà una  sorta di tavola rotonda per promuovere un “vivere armonico e pieno d’amore”.

 

Ognuno dei partecipanti, a modo suo, è  un esperto, ed ognuno  parlerà delle sue conoscenze e metodi di cure  e medicine alternative,   erboristeria, psicologia sociale, diete alimentari, salvaguardia dei consumatori,  agricoltura ecologica, prodotti fatti in casa,  etc. In modo da far crescere  un necessario dibattito e confronto sulle varie discipline  e su come poter mantenere la persona e l’ambiente in buona salute. L’incontro sarà allietato anche da esibizioni poetiche e canore e da letture sulla tradizione contadina  e presentazione di libri in tema.

Durante i due giorni dell’incontro non mancheranno attività pratiche ed utili, come l’aiuto nel lavoro dei campi  e passeggiate per il riconoscimento delle erbe spontanee commestibili. Inoltre si potrà partecipare ad un semplice laboratorio per la preparazione della acqua benedetta e curativa di “San Giovanni”. Negli stessi giorni potremo condividere il cibo bioregionale vegetariano da ognuno portato e partecipare alla preparazione del pane cotto al forno a legna. Per dormire ci si potrà arrangiare in una rustica casa colonica su stuoie e tappeti oppure in tenda propria.

Insomma sarà un bell’esperimento di vita conviviale, aperto a tutti coloro che si riconoscono figli della Terra e membri della comunità dei viventi, senza distinzione di specie o credo.

La partecipazione è libera e gratuita, alla fine dell’incontro girerà un cesto per la raccolta di offerte volontarie a risarcimento delle spese sostenute da chi ci ospita.

Paolo D’Arpini – Rete Bioregionale Italiana

Incontro Collettivo Ecologista 2015

Ca’ Lamari, Montecorone di Zocca (Modena)

20 giugno 2015:

Dal mattino accoglienza dei viaggiatori che vengono da lontano e si sistemano e fanno amicizia con il luogo ed i suoi abitanti. Pic-nic al sacco autogestito

Ore 16 – Primo giro di condivisione con il bastone della parola, facilitatore Paolo

Ore 18 – Escursione erboristica nei dintorni alla ricerca di fiori ed erbe per la preparazione dell’acqua benedetta solstiziale, accompagnatrice Nelly

Ore 19.30 – Cena condivisa all’aperto con il cibo da ognuno portato e con l’integrazione di pane cotto al forno a legna, insalata rustica etc. a cura di Monica C.

Ore 21 – Accensione del fuoco rituale nell’aia. Danza sciamanica e salto del fuoco, a cura di Pietro di Tolè

Ore 22 – Osservazione delle stelle, mantra e meditazione

21 giugno 2015:

Ore 9.30 – Gita a piedi nel bosco fino a Montecorone, conduce Pietro

Ore 10.30 – Panoramica dalla piazza su Sasso di Sant’Andrea, e giro di condivisione con il bastone della parola attorno ad un quecia centenaria, facilitatore Sergio

Ore 12.30 – Ritorno a Ca’ Lamari e pranzo bioregionale a cura di Monica C.

Ore 15.30 – Esperimenti di ecopsicologia corporea a cura di Monica F.

Ore 16.30 – Giro di condivione con il bastone della parola e presentazione del nuovo numero di “Quaderni di Vita Bioregionale 2015”, facilitatrice Caterina

Ore 18.30 – Conclusioni e scambio indirizzi. Per chi resta musica e danze agresti

Partecipazioni: La partecipazione al Collettivo Ecologista è libera e volontaria, la manifestazione non è coperta da polizza assicurativa. Si richiede una compartecipazione ai lavori comunitari ed il rispetto dei luoghi e delle norme di convivenza ecologista. A chi usufruisce della mensa prandiale sarà richiesto un piccolo contributo forfettario. Si potrà pernottare a Ca’ Lamari venendo muniti di sacco a pelo. Possibilità di montare la propria tenda. Per le spese generali girerà un cappello.

Come Raggiungere Ca’ Lamari: In treno – Da Bologna o Modena prendere il treno locale per Vignola. Da lì recarsi alla fermata autobus che si trova in centro città (tra Acquerello e Pegaso), partenza autobus per Zocca: 8.10 – 10.20 – 12.10 – 13.10 – 17.40 – 18.45. Scendere a fermata Sassi (subito dopo Rocca Malatina), poi imboccare Via Lamari e proseguire sino alla casa di Pietro. – In auto: Da bologna o da Modena andare a Vignola e da qui prendere la strada provinciale per Zocca, passando da Guiglia. Dopo Guiglia proseguire verso Zocca e superata la frazione chiamata Rocca Malatina, dopo circa 1 chilometro la strada curva a destra ma prima della curva a sinistra si vedrà il cartello che indica Via Lamari, mentre a destra si vede la traversa chiamata Via Tintoria, dirigersi con l’auto in Via Tintoria e parcheggiare dove si può e poi prendere Via Lamari a piedi. La casa di Pietro è la seconda lungo la strada a circa 400 metri dal bivio.

Condivisioni: Durante i due giorni dell’Incontro sarà possibile esporre e scambiare le proprie autoproduzioni artigianali ed artistiche: libri, riviste, oggetti d’uso, conserve e oli, etc.

Per info. sui programmi: bioregionalismo.treia@gmail.com – Cell. 333.6023090

Per info. logistiche: Tel.: 059/989639 – 340.2148222

Annunci

Un pensiero su “Lo spirito dell’Incontro Collettivo Ecologista 2015 – Montecorone di Zocca (Modena) 20 e 21 giugno 2015

  1. Pingback: Montecorone di Zocca, 9 maggio 2015 – Coordinamento ecologista in vista del Collettivo del Solstizio Estivo 2015 | Circolo Vegetariano VV.TT. Treia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...