Visita alle oche di Castelvetro… per loro è “Tempo di Vivere”


Dato che non va bene vivere di sola nostalgia, cosa che mi ha alquanto pervaso nei giorni scorsi, complice l’anniversario della scomparsa di mio padre, quando ieri sera mentre ci salutavamo dopo la cena di compleanno di Margherita a casa sua, Rosalba mi ha proposto di andare con lei al laghetto di Castelvetro a vedere certe due oche, ho detto: “Perché no?”. Dico questo perché ultimamente nei fine settimana trovo sempre qualche “scusa di casalinghitudine” per starmene a casa e, a dire il vero, ci sto anche piuttosto bene. 

Stamattina me la sono voluta prendere di “svago”, che poi la vita, se presa bene, è tutta uno svago: certo, alcuni sono più fortunati di altri in questo senso, Paolo parla di karma e chissà che non abbia ragione.
 
Rosalba mi è passata a prendere e siamo arrivate in 10 minuti al lago, abbiamo incontrato il proprietario che ci ha accompagnato a vedere “certe” oche che mi stavano a cuore. 
 

 
Erano belle sane, vispe e neanche aggressive. Ci ha raccontato che stanno sempre per conto loro e non amano particolarmente l’acqua, a differenza delle loro cugine. Pare però che siano state viste attraversare il lago a nuoto. 
 

 
Abbiamo dato del pane secco ai pesci del lago: carpe, gobbi e tinche giganti  che si sono azzuffati per prenderne qualche pezzo (ma quanti anni vive una carpa?) Poi io e la mia amica abbiamo fatto un giro, soffermandoci in particolare a guardare una famiglia di puzzole: non le avevo mai viste così da vicino, abbiamo fatto piano per non disturbarle evitando di incorrere in una spruzzata maleodorante.
 

 
A questo punto potevamo rientrare, ma la giornata era bella e non so come abbiamo iniziato a parlare di marmellata di more…. e dove le hai trovate? quindi via alla strada delle more, nelle colline sopra Marano. Quella strada io non l’avevo mai percorsa fino in fondo e salendo abbiamo avvistato una torre e … bisognava per forza andare a vederla! Siamo arrivate così al borgo antico di Denzano, abbiamo fatto un giro intorno alla chiesa, ovviamente chiusa nonostante fosse domenica, ma il panorama era strabello e c’era un gran silenzio, una gran pace… mi sono affacciata oltre una rete di recinzione ed ho avvistato dei tavoli apparecchiati con tovaglie a quadretti… ma fanno da mangiare? ci siamo chieste e quindi con un po’ di timore e circospezione ci siamo avvicinate a quel che pareva l’ingresso. 
 

 
Due persone ci hanno viste e, sorpresa, una di queste era una giovane donna conosciuta, Rossana, che ci ha fatto entrare e ci ha mostrato tutto il bel locale, camere, sala per la colazione, sede dell’associazione. Molto bello. 
 
Prendiamo poi la strada del ritorno, ma cambiando strada e dopo un paio di km ci imbattiamo nel cartello – indicazione “tempo di vivere”, un eco-villaggio (o comunità intenzionale) sorto qui da poco più di un anno e, sapendo che Rosalba non c’era ancora stata decidiamo subito di fare una ulteriore sosta. Lì l’accoglienza è sempre garantita, c’è sempre qualcuno disposto a ricevere ospiti e a fare quattro chiacchiere per scambiarsi le proprie esperienze. Sapevo anche che un paio di vecchi amici di Rosalba stanno facendo lì un esperimento di vita comunitaria, ed infatti li abbiamo proprio trovati lì, Cristina e Mario, felici di rivederci. 
 

 
Dopo un giro nel cortile ed un saluto veloce ad altri comunardi (Katia e Gabriella) che erano in riunione con ospiti, ci siamo sedute sotto il gazebo a raccontarci le ultime storie di vita.
 
Ma ormai era ora di pranzo, si torna alle nostre case, piene di colori, vedute, silenzi, parole, abbracci e sorrisi!
 
Caterina Regazzi 
(23 agosto 2015)
……………
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...