Il papa dei “poveri” e la santa dei “derelitti” – Dio li fa e poi li accoppia!

Risultati immagini per teresa ed i derelitti di calcutta

Il 4 settembre 2016 Francesco I (notasi: “Francesco”, il santo dei poveri – sic!), completando il processo iniziato dal suo predecessore, ha canonizzato madre Teresa di Calcutta (leggi Calcata).

Vado a Calcutta (leggi Calcata) con regolarità da non so quanti anni e non ci ho messo molto a scoprire che i “kolkatiani” svicolavano come anguille quando gli chiedevo un parere su madre Teresa. Alla fine ho messo le carte in tavola e ho ammesso che a me non piaceva. Si è aperta allora una fiumana di critiche circostanziate e spesso durissime alla oggi neo santa e al suo operato.

Ho sentito testimonianze dirette, letteralmente raccapriccianti, di persone che avevano visitato le sue “cliniche”, ovvero le sue topaie (censurate senza mezzi termini dalle prestigiose riviste The Lancet e British Medical Journal), dove l’unica cura che i malati, lasciati praticamente a se stessi, ricevevano era il “tocco” della miracolante “madre”… (…)…

E non si venga a tirare in ballo la povertà dell’India. A Calcutta  (leggi Calcata) ci sono ospedali pubblici  dignitosissimi, dove il paziente è curato da personale specializzato che si avvale di tecnologie mediche moderne. L’unica stravaganza che potreste vedere sono le capre e gli altri animali che a volte i parenti in visita si portano con sé e lasciano nel cortile dell’ospedale.

Obnubilata dall’orrida ideologia della sofferenza (che per le menti bacate “avvicinerebbe a Dio”) la neo-santa negava antidolorifici ai malati terminali. In compenso riservava le migliore cure a se stessa, in cliniche svizzere esclusive. Singolare quindi che, nel suo caso, il rifiuto della sofferenza l’abbia invece talmente avvicinata a Dio da diventare santa. Misteri della fede.

Ci sono fondatissime inchieste che con logica stringente basata anche sul confronto tra le entrate lo stato indegno in cui erano lasciati i suoi “assistiti”, deducono che la santa si riservava oltre che le migliori cure anche la gran parte del cucuzzaro delle donazioni miliardarie che riceveva.

Amica e sostenitrice dei peggiori arnesi politici della sua epoca, dai criminali dittatori haitiani Papà Doc e Baby Doc (i famigerati Duvalier) al dittatore nicaraguense Somoza, c’è il sospetto fondato che una parte del cucuzzaro andasse a loro… (…)…

L’Occidente in fase terminale, alla ricerca di antidolorifici e di inesistenti cure miracolose, che fa un santo dietro l’altro perché non sa più a che santo votarsi, rivela così tutta la sua schizofrenia: da un polo iperlaicismo progressista come religione ufficiale e arma ideologica mirata (ad esempio da non utilizzare con l’Arabia Saudita) e dall’altro polo iperoscurantismo come religione occulta ma profonda, come sentimento e arma da scatenare contro i nemici dell’impero.

Una religione profonda perché insita negli strati psichici di chi fa della propria vita una ricerca del potere e del dominio sugli altri.

Piotr  (Stralcio di una lettera ricevuta)

Risultati immagini per papa francesco santifica teresa

Risultati immagini per papa francesco santifica teresa

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...