Treia, 17, 18 e 19 marzo 2017 – San Patrizio, equinozio di primavera e Ostara

Nessun testo alternativo automatico disponibile.


Per le vie di Treia sono  affissi i manifesti che annunciano l’annuale festeggiamento del suo “nume” tutelare: San Patrizio.

Le cerimonie religiose e mondane si svolgono il  17, 18 e 19  marzo e comprendono vari eventi. Così ancora una volta il popolo ha occasione di ritrovarsi unito, in una sagra, e di sentire la protezione che viene dall’alto. Quest’anno la benedizione celeste è particolarmente richiesta  in seguito ai danni e paure conseguenti alle ricorrenti scosse sismiche che hanno messo a repentaglio la vita della città.

Alcuni giorni fa è stata indetta una riunione al Comune, alla quale anche noi siamo stati invitati, per annunciare e chiedere suggerimenti in merito alle  attività da svolgere per adeguatamente festeggiare il santo. Il sindaco Franco Capponi ci ha chiesto di partecipare alla Fiera che si terrà in piazza il giorno clou della festa, ovvero il 19 marzo 2017. Abbiamo accettato con piacere l’invito coinvolgendo anche altri amici. Pertanto quel giorno saremo in prossimità del mercato coperto,  assieme ad   un piccolo gruppo di associazioni culturali che comprende:  il Cinefotoclub Il Molino, la redazione de La Rucola, Palazzo Simonelli, il Circolo vegetariano VV.TT. ed altre. Ai banchetti saranno esposte  foto, riviste, libri, materiale didattico ed inoltre verranno raccolti fondi finalizzati al restauro della statua di San Patrizio, danneggiata dal sisma, che è conservata nella chiesa del Santissimo Crocifisso, edificata nel luogo in cui preesisteva l’antico insediamento di Trea e che presenta nelle sue pareti esterne un’infinità di immagini, sculture ed ex voto provenienti da un preesistente tempio romano.

Risultati immagini per treia san patrizio

La mitologia treiese è ricca di “presenze” che suggeriscono un legame fra Treia e le culture ariane. In primis il nome della città (da un termine indoeuropeo) che suggerisce l’origine da una società matristica (Atreya in sanscrito è il nome della santa madre di Datta il maestro primordiale), forse questa la ragione per cui è ancora vivo il culto per la Madonna Nera (di cui una statua di cedro è conservata nella Chiesa di Santa Chiara).

C’è inoltre il collegamento con la Dea Freya di origine celtica della quale sono stati trovati simboli in forma di cinghiale durante gli scavi per la costruzione della chiesa del SS. Crocifisso.

Il cinghiale (o maiale) è da sempre un emblema della Dea Madre, in tutte le culture matristiche, sin del neolitico. Il collegamento con la cultura ariana sarebbe confermata anche dalla misteriosa scelta del patrono protettore della città: San Patrizio, il britanno-romano che convertì l’Irlanda al cristianesimo.

Risultati immagini per treia festa di san patrizio paolo d'arpini


Narra un vecchia leggenda popolare che i cittadini treiesi non avendo un proprio santo da festeggiare, per conquistarsi i favori di un patrono, decisero di affidarsi alla cabala: misero in un bussolotto tanti bigliettini su cui erano scritti i nomi di tutti i santi cattolici. All’estrazione uscì il nome di San Patrizio, ma il santo così poco popolare e soprattutto di una così lontana cultura non fu proprio gradito, per cui si decise di rifare l’estrazione. Ma il destino volle che uscisse ancora una volta il nome del santo irlandese. “Se Dio vuole così, così sia”.

Quindi noi “vegetariani” treiesi  siamo “devoti” a San Patrizio anche perché il giorno principale della sua festa, Il 19 marzo,   corrisponde  alla festa degli alberi, ed infatti sono previsti  addobbi botanici in piazza e nelle vie della città,  e siamo inoltre vicini all’equinozio di primavera, “Ostara”, che è  la quarta porta della ruota dell’anno per i celti. E’ il momento in cui il giorno e la notte sono uguali, in perfetto equilibrio; da qui comincia la metà più luminosa e chiara dell’anno. E’ la stagione della rinascita, possiamo finalmente liberare le energie che si sono accumulate nel periodo invernale, quando eravamo in fiduciosa attesa. Ora possiamo cominciare l’azione, mettere in atto e realizzare le idee e i propositi che ci siamo chiariti e prefissati durante la stagione del buio; agire le forze del risveglio e liberare la nostra creatività per la propria crescita, il proprio sviluppo e per il bene comune. E questo è un buon viatico per la prossima grande festa che si tiene a Treia, quella dei Precursori, che si svolge dal 23 al 25 aprile 2017 (vedi programma: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/02/22/treia-33a-edizione-della-festa-dei-precursori-23-24-e-25-aprile-2017/)

Paolo D’Arpini

Risultati immagini per treia festa di san patrizio paolo d'arpini

Circolo vegetariano VV.TT.

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...