Il monolatrismo mosaico disruptivo e la corrosione dell’armonia panteista

Risultati immagini per monolatrismo mosaico

Da un punto di vista neuro-psicologico-funzionale, la strutturazione della “evoluzione trascendente dell’uomo” -l’Hubermensch- (… che segue quella che porta all’organizzazione psichica del Sé nel periodo che va dagli 8 ai 24 mesi di vita) prende l’avvio dall’immaginario. Questa funzione psichica (delineata da Lacan) è un meccanismo inconscio che sposta nella memoria-inconscia tutte le molteplici elaborazioni o risposte-virtuali che conseguono alla “molteplicità percettiva” (… caratteristica neuro-funzionale del connettoma umano).

Questo meccanismo è “caricato” (o attivato) dal rapporto con la madre che funziona da “laissez-faire”, “laissez-passer” che sostiene un “senso di verità”, di riconoscimento del valore del figlio-a.

Questo funzionamento inconscio blocca il “sistema dei riflessi-condizionati, obbligatori e ripetitivi (quindi rinforzati), creando nella mente uno “… spazio di funzionalità virtuali” al quale il bambino (e naturalmente anche l’adulto) può accedere in qualsiasi momento per creare modelli di comportamento inusuali, liberi e volitivi. Proprio per il funzionamento di questi processi neuro-psico-volitivi  il bambino si sente libero di agire le proprie iniziative senza aver bisogno dell’approvazione dell’altro, ma anzi rifiutando le pretese di guida-insegnamento che l’altro-adulto pretende imporre.

Nelle culture paternalistiche, dove il “padre-padrone” esautora e forclude l’azione della madre e della donna in generale, prevale nel bambino la formazione di un immaginario arcaico, egocentrico, onnipotente, disruptivo e distruttivo che poi troviamo attivo (incontrollabile perché strutturato alla stregua di un riflesso-condizionato) nelle personalità abnormi (borderline, narcisistiche, maschiliste, antisociali e criminali).

Da queste considerazioni, risulta decisamente chiaro il meccanismo criminale imposto dal “monoteismo-mosaico” (che ha inizio tra le tribù-beduine del deserto modio-orientale) che, con l’imposizione di un Deus unico, onnipotente ed eterno, esautora totalmente quella che per millenni era stata la “Grande Madre”, la “Pacha-Mama”.

Da tale forclusione deriva anche l’imposizione di una educazione-maschilista che crea le basi per un “immaginario arcaico” per il quale il figlio apprende e immette nel circolo funzionale (connettomico) dei riflessi condizionati il senso del potere, della supremazia, dell’imposizione disruptiva e distruttiva, del fondamentalismo religioso, delle terrorismo e della … criminalità istituzionalizzata dal volere del Deus.

Vito Mancuso

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...